Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, acconsenti all’uso dei cookie.

Apprendere il Coping in adolescenza

Gestire lo stress è provare a trovare il modo di neutralizzare o rimuovere il fattore che  lo causa  da qualsiasi cosa si stia facendo. Non è semplicemente fare qualcosa e poi liberarsi dallo stress;  è provare a trovare un modo per impedire di fatto l’insorgere dello stress.

E. Frydenberg.

 

immagine blogAgli adolescenti si chiede sempre più spesso di saper percepire e reagire in modo efficace ai problemi che la vita di ogni giorno pone e alle richieste di responsabilità che gli adulti si aspettano da loro.

La capacità di far fronte in modo funzionale alle difficoltà che possono insorgere a scuola, in famiglia, a lavoro e fra i coetanei viene definita coping.

Gli studi sul coping ritengono che lo stile attributivo soggettivo ha una forte influenza sulle modalità di risposta agli eventi della vita (Rutter, 1983) per cui è meno probabile che quei giovani che si sentono capaci di far fronte all’impegno scolastico siano soggetti a depressione.

La fiducia in se stessi porterebbe infatti a non percepire le stressanti richieste scolastiche come minacce ma come sfide.

Sia la scuola che la famiglia rappresentano dei luoghi privilegiati per lo sviluppo e la crescita delle competenze psicosociali e il potenziamento delle abilità personali e interpersonali, come la competenza del coping.

Gli studiosi considerano i livelli di stress e le risorse di coping i predittori dei sintomi psicologici e fisiologici negli adolescenti.

Quindi non sono solo gli eventi o la mancanza di eventi stressanti, ma anche le risorse che si possiedono per farne fronte, che determinano lo stato di salute e di benessere.

In modo particolare le risorse cognitive da allenare si riferiscono ad un positivo concetto di sé, ad un stile di pensiero positivo e comportamenti di promozione sociale.

I giovani esprimono sempre più il bisogno di avere maggiori opportunità di espandere i loro repertori di coping, per diventare capaci di gestire le circostanze di vita attivamente e non passivamente.

Il potenziamento del coping proattivo, per esempio, attuato prima di incontrare eventuali eventi stressanti ha importanti benefici in quanto minimizza lo stress complessivo che la persona potrebbe incontrare e restituisce maggiore fiducia in se stessi.

Paola Bianchi © Paola Bianchi 2017-2020 - Partita IVA 07126261002. Note legali.
Made with oZone iQ